Giardini

L’aria era lieve, un uccello cantava, l’acqua rifletteva la luce, i fiori, le foglie, gli alberi m’incantavano. Passeggiavo all’Orto botanico. Quale stagione fosse, non lo sapevo. Primavera, estate, autunno e inverno si fondevano in un’unica stagione…I profumi, i colori, il silenzio mi riempivano di gioia. Era mezzogiorno. La città e il giardino brillavano dello stesso splendore, le campane suonavano, ero a Roma.

Nei giardini sono sempre stata felice, gli alberi mi trasmettono la loro energia, le stagioni mi sorprendono ogni anno, dall’inverno all’autunno, con le loro infinite variazioni.